Studio Dentistico Angelini

Gengive che si ritirano: sintomi, cause e rimedi!

La recessione gengivale è una vera e propria patologia che può manifestarsi con un aumento della sensibilità dei denti e le gengive che si ritirano e che possono lasciare scoperte le radici dei denti. Come riconoscere questo disturbo e come trattarlo? Scopri di più in questo articolo!

 

Le gengive che si ritirano sono una problematica piuttosto comune, spesso però i sintomi e i segnali iniziali vengono ignorati.

Se non trattata, la recessione gengivale può portare a spiacevoli conseguenze, come un’aumentata sensibilità dentale e, nei denti davanti, a importanti problematiche estetiche.

Questo tipo di problema si presenta in modo graduale: inizialmente avvertiremo una particolare sensibilità ai denti e i nostri denti ci sembreranno più lunghi, in realtà semplicemente la gengiva si è ritirata e ha lasciato scoperta una porzione maggiore di dente.

 

Gengive che si ritirano: SINTOMI

I principali segnali a cui prestare attenzione, per capire se siamo in presenza di recessione gengivale sono:

  • presenza di spazi fra i denti
  • aumento di sensibilità a denti e gengive
  • arretramento della gengiva verso la radice del dente

La recessione gengivale è visibile ad occhio nudo e si può riconoscere facilmente in quanto, come abbiamo detto, il tessuto si ritira e lascia scoperta parte del dente, nei casi più gravi arrivando addirittura alla radice. La parte esposta del dente risulterà di un colore giallo/marrone  nella parte vicino alla radice, in cui la dentina si trova più in superficie.

Le complicazioni di questa patologia sono dovute al fatto che le gengive ritirate facilitano la formazione di placca sulle radici dei denti che, se non rimossa correttamente, può provocare carie radicolari difficili da trattare o un ulteriore peggioramento della recessione con conseguente aggravamento della situazione  estetica.

Gengive che si ritirano: CAUSE

Le cause della recessione gengivale possono essere svariate, tra le principali vi sono:

 

  • scorretta e non attenta igiene orale domiciliare: troppa pressione nello spazzolamento, movimenti scorretti, non utilizzo del filo interdentale
  • utilizzo di prodotti troppo aggressivi o non adatti alla propria situazione particolare: ad esempio l’utilizzo di spazzolini a setole dure
  • Diabete
  • Fumo
  • Cambiamento ormonale che può portare le gengive ad essere più sensibili e vulnerabili
  • Bruxismo
  • Gengivite o parodontite: recessione gengivale, spesso compare in risposta ad altre patologie che vengono ignorate o trattate in modo scorretto.

Gengive che si ritirano: cure e rimedi

Nei casi di recessione gengivale, il primo suggerimento è quello di dedicare maggiore cura e attenzione alla propria igiene orale per evitare un peggioramento della situazione, utilizzando i prodotti più adatti (consigliati dal vostro dentista di fiducia) rispettando le corrette indicazioni di utilizzo. Inoltre, è bene osservare uno stile di vita sano, evitando fumo e cibi troppo zuccherati.

È buona abitudine prenotare controlli periodici ed eseguire regolarmente pulizie dei denti professionali, per eliminare eventuale tartaro o placca.

Nei casi in cui notassi sintomi di possibile recessione gengivale non esitare a contattare il tuo dentista, il quale dopo la visita di controllo potrà valutare la gravità della situazione e prendere in considerazione la possibilità di intervenire con un trattamento specifico di tipo chirurgico.

Se la recessione gengivale si trova ad uno stadio piuttosto avanzato, il professionista potrà consigliarvi di riportare la gengiva ritirata all’altezza che aveva prima del presentarsi della patologia, tramite un piccolo intervento chirurgico e in alcuni casi applicando anche un innesto di tessuto connettivo.

Gli interventi per la ricopertura radicolare delle gengive oggi sono poco invasivi, non dolorosi e molto predicibili, garantendo risultati estetici ottimali e di lunga durata nel tempo. 

 In caso di recessione gengivale è importante non rimandare e agire subito, perché curare una recessione iniziale è molto più semplice che curare una recessione grave! Iniziare a curare questa problematica sul nascere può evitare disagi anche piuttosto seri.

Il benessere del tuo sorriso è il nostro obiettivo, ma abbiamo bisogno anche del tuo contributo!

Se pensi di presentare sintomi di recessione gengivale o per ulteriori informazioni contattaci!

 

Prenota una visita

"Dichiaro di aver letto l'informativa di cui all'articolo 13 del D. Lgs 196/2003" I dati personali richiesti nel Contact Form possono essere utilizzati unicamente per rispondere alla richiesta specifica da me inviata